(Italiano) Altroconsumo pubblica le copertine ideate dagli alunni dell’Accademia

(Italiano) Altroconsumo pubblica le copertine ideate dagli alunni dell’Accademia

Sorry, this entry is only available in Italiano.

Durante un laboratorio con il direttore responsabile della nota rivista, gli studenti del corso di Progettazione Artistica per l’impresa hanno lavorato alla prima pagina di quattro testate

Le copertine di Altroconsumo di giugno sono nate in un workshop con gli studenti dell’Accademia di Belle arti statale di Verona.

Altroconsumo è la più grande organizzazione di consumatori italiana. Le sue riviste mensili, in primis Altroconsumo Inchieste con un totale di circa 270.000 copie, sono le più lette nella penisola. Quattro testate sono dedicate a inchieste su prodotti e servizi per la tutela dei diritti dei cittadini.

Un mese fa l’Accademia ha invitato, al corso corso di Tecniche grafiche speciali  dell’indirizzo di Progettazione Artistica per l’Impresa, con la docente Sabrina D’Alessandro, il direttore responsabile di Altroconsumo, Alessandro Sessa, a tenere un workshop con gli studenti per lavorare alla copertine delle riviste in uscita a giugno.

L’esperienza è stata talmente positiva che la casa editrice ha deciso di pubblicare il lavoro svolto in Accademia.

Due i temi affrontati: le attese infinite per ottenere esami e visite mediche tramite il Servizio sanitario nazionale (testata Insalute) e i cantieri autostradali che come ogni estate rallentano il traffico da nord a sud Italia (testata Inchieste).

Gli studenti, frequentanti il corso di Tecniche grafiche speciali con D’Alessandro, hanno ricevuto un documento con i risultati delle ricerche sui temi come si fa a livello professionale e sono stati seguiti nella progettazione delle copertine. Gli studenti sono Dimitrie Circiu, Sara Manoli, Erika Marassi, Gea Sanvido e Chiara Scarangella, e poi Ermanno Donini e Michele Giusti.

«La pubblicazione finale del lavoro – spiega Sabrina D’Alessandro – è un risultato importante che una volta di più dimostra quanto incoraggiare il rapporto fra scuola e impresa sia una strada stimolante ed efficace. Per le aziende di oggi come per i nostri professionisti di domani».